Martedì 2 Luglio ore 21,00

Chiostro Ex Convento degli Agostiniani, Lecce

In collaborazione con il Comune di Lecce

PREVENDITA BIGLIETTI >>

 

 

1ª parte YAKIR ARBIB piano solo

 

Un piano solo entusiasmante con il pianista e compositore Yakir Arbib. Pianista classico, compositore e jazzista, Yakir Arbib, porta la sua improvvisazione nella terra di Babilonia con il progetto "Babylon, classical improvisations". Un’esplorazione a tutto tondo della grande musica, a cui Arbib dà nuova vita tramite l’improvvisazione jazzistica. Una visione originalissima, in cui armonia classica e genio creativo dell’artista si fondono ed influenzano reciprocamente.

Dotato di orecchio assoluto e sinestesia, il fenomeno che associa percezioni sensoriali distinte, è riuscito ad affrontare la cecità colorando i suoni con l'arte dell'improvvisazione. In questo modo propone una visione musicale in cui armonia classica e creatività si fondono influenzandosi reciprocamente. Un risultato prodotto anche dal fatto che Arbib vede un colore diverso per ogni nota che sente o suona, da qui nasce il suo virtuosismo prodigioso che gli permette di creare composizioni sul momento partendo da un qualsiasi spunto melodico proveniente anche dalla musica classica di Bach, Chopin o Beethoven.

A soli 29 anni, Arbib vanta un'attività concertistica internazionale e ha già ricevuto importanti riconoscimenti tra cui il premio per giovani talenti della America-Israel Cultural Foundation, il premio internazionale Massimo Urbani (2008) e il Montreux International Piano Jazz Competition (2015) dove è stato anche nominato dalla giuria “il pianista più originale”.

 

 

 

2ª parte MARELLA MOTTA TRIO
“And everything in between”

Marella Motta - voce e cori

Jacopo Mazza - piano, tastiere e arrangiamenti

Emmanuele Pella - batteria e percussioni

 

Un set imperdibile di soul, funk r'n'b con il trio della cantante e compositrice MARELLA MOTTA che presenta il suo primo disco "And Everything in between", uscito lo scorso aprile con la label parigina Another music records, prodotto dal tastierista e compositore Jacopo Mazza. La voce di Marella è potente, intensa, energica e intrisa di black music. Il singolo che ha anticipato l'album s’intitola «Angry» e parla della rabbia, ma in senso positivo, descrivendola come quella forza che libera un’energia a lungo compressa e che finalmente esplode, generando qualcosa di bello.

Scritti in inglese, i brani dell’album offrono atmosfere soul e R&b intrecciate al jazz e a un po’ di elettronica e parlano di esperienze personali, temi vicini al sentire di ogni essere umano: «I miei pezzi partono sempre dalla melodia. Le parole arrivano dopo e arrivano in inglese: è una lingua che si sposa perfettamente a questo tipo di musica e poi la conosco bene perché mia madre, nata in Nigeria, mi ha cresciuta parlando in inglese. Parlo di temi personali, da cui possono poi nascere spunti di riflessione anche profonda. Insomma, parto da me per avvicinarmi agli altri».

Classe 1981, nata a Losanna e cresciuta tra la Nigeria e l'Italia, inizia a cantare a 12 anni e studia con Paul Rosette con il quale apre un concerto di Tiziano Ferro nel 2002. Da sempre innamorata del suono Motown, Marvin Gaye, Otis Redding, Steve Wonder e influenzata da voci come Erika Badu e Jill Scott.

 

Aperitivo offerto da
    
 
 

 

TORNA AL PROGRAMMA        SERATA SUCESSIVA

 

 

Submitting Form...

The server encountered an error.

Form received.

Iscriviti alla newsletter

Copyright © 2019 WORKIN' PRODUZIONI.  Tutti i diritti riservati.

Associazione Culturale L'Orchestrina  |  Sede legale: Via Carlo Piaggia, 6 - 73100 Lecce

Seguici